Oscar 2023, quel che resterà. Tra monologhi emozionanti, prime volte e polemiche

Oscar 2023, quel che resterà. Tra monologhi emozionanti, prime volte e polemiche

Oscar 2023, quel che resterà. Tra monologhi emozionanti, prime volte e polemiche Photo Credit: AgenziaFotogramma.it


Dall'esibizione di Lady Gaga al "sogno americano" di Ke Huy Quan, dall'India in festa alle svogliate interviste di Hugh Grant, la novantacinquesima edizione degli Oscar raccontata in flash

Il red carpet del Dolby Theater di Los Angeles per la prima volta nella storia in tinta champagne. La metafora perfetta di un’edizione degli Oscar, la novantacinquesima, in cui non sono mancate novità di "colore". Non per le pellicole premiate, dove tranne Everything Everywhere all at once, che incontrava il favore dei pronostici e si è aggiudicato ben 7 statuette, si sono registrate fin troppe, inaspettate, mani vuote (tra cui quelle di Steven Spielberg...). Ma se i veri cinefili sono rimasti con qualche dubbio, c'è da dire che lo show ha regalato non pochi momenti interessanti, tra prime volte, discorsi emozionanti e qualche polemica. 

PAROLA D'ORDINE: CREDERCI

Gli Oscar, si sa, fanno gli Oscar. Ma è per questo che tra tanti momenti preparati, l'emozione sincera travolge. "Grazie per avermi dato la possibilità di salvarmi" dice Brendan Fraser, miglior attore protagonista in The Whale. E quello con la balena, che scende in profondità ma trova sempre il modo di risalire a respirare, è il paragone scelto dall'interprete. Lui, che riceve l'Oscar quando forse non ci credeva più. Dopo una carriera che gli aveva regalato molto negli anni Novanta, per poi trasformarsi in un'altalena. Ma il messaggio che nulla sia impossibile è quello scelto anche da Ke Huy Quan, miglior attore non protagonista per il già citato Everything Everywhere all at once. Porta sul palco la sua storia personale, quella di un ex profugo vietnamita, arrivato negli Stati Uniti tra mille difficoltà. “Il mio viaggio è cominciato su una barca" ha raccontato, spiegando di aver trascorso più di un anno in un campo profughi. Tanto impegno, fino ad arrivare sul palco più prestigioso ad Hollywood. "Dicono che le storie così sono solo per il cinema, ma sono storie reali, è questo il vero sogno americano. Credete nei vostri sogni".

PREMI SENZA ETÀ

Ma è forte anche l'impronta femminile. "Alle signore, vorrei dire: non lasciate che vi dicano mai che avete passato una certa età". Ringrazia con il sorriso Michelle Yeoh, stringendo la statuetta di una delle categorie più prestigiose: è lei la miglior attrice protagonista del 2023, scalzando la favorita Cate Blanchett. Così, a sessant'anni, sale sul gradino più alto, prima donna asiatica a farlo. Un messaggio pieno di orgoglio il suo, condiviso da un'altra signora del cinema mondiale, miglior attrice non protagonista: Jamie Lee Curtis. Un riconoscimento ottenuto dopo una lunghissima carriera, a 64 anni.

LADY GAGA, TRA VERSACE E JEANS

Non si è aggiudicata il premio per la miglior colonna sonora, categoria in cui correva insieme a Rihanna. Ma anche di Lady Gaga ci ricorderemo sicuramente. Non solo per il bel gesto sul red carpet, dove in Versace nero e rossetto rosso ha concesso ai fotografi non solo sorrisi ma anche una mano, nel vero senso della parola, aiutando a rialzarsi uno di loro che era inciampato proprio ai suoi piedi. Ma anche per la sua performance sul palco. Lady Gaga canta Hold My Hand, dalla colonna sonora di Top Gun: Maverick, in jeans e maglietta. Capelli raccolti in una treccia. Trucco quasi inesistente. Senza orpelli, senza monologhi dolenti. Come a dire che sul palco bisogna commentare il talento e nient'altro. E il suo è stato indiscutibile.

LA MUSICA INDIANA, 95 EDIZIONI DOPO

A proposito di colonne sonore, a scalzare star tra le più amate e pagate del panorama internazionale è stata Naatu Naatu, canzone indiana in lingua telugu, contenuta nel film RRR, in cui le viene dedicata una sequenza di dieci minuti. Una coreografia che vede in campo centocinquanta ballerini, con un'equipe di duecento persone. Un trionfo per gli autori ma anche per l'India, che dopo 95 edizioni riceve un riconoscimento per la sua musica. 

IL SARCASMO DI HUGH GRANT

Ma tra tanta bellezza non mancano le polemiche. Una in particolare: quella sul sarcasmo di Hugh Grant, arrivato sul palco per le premiazioni insieme ad Andie MacDowell, sua indimenticabile partner in Quattro matrimoni e un funerale. Prima di prendere posto in sala, l'attore si è fermato per un'intervista con Ashley Graham, modella e influencer. Qui il siparietto incriminato: per ogni domanda dell'intervistatrice, Grant ha avuta una risposta sarcastica e stizzita. Per qualcuno un segno di maleducazione. Per qualcun altro una forma di ribellione rispetto ai cliché dell'Academy. Senza dubbio un momento che non passa inosservato. 

Argomenti

Academy
Brendan Fraser
Hugh Grant
Jamie Lee Curtis
Ke Huy Quan
Lady Gaga
Michelle Yeoh
Oscar

Gli ultimi articoli di Ludovica Marafini

  • Scuola, lotta del governo ai diplomifici. Per 47 istituti revoca dello status di "paritari"

    Scuola, lotta del governo ai diplomifici. Per 47 istituti revoca dello status di "paritari"

  • Milano, incidente sulla tangenziale nord tra un'auto e un camion. Due ragazzi sono morti

    Milano, incidente sulla tangenziale nord tra un'auto e un camion. Due ragazzi sono morti

  • Stupro a Roma, arrestato Simone Borgese, già condannato per altre violenze

    Stupro a Roma, arrestato Simone Borgese, già condannato per altre violenze

  • Amanda Knox, confermata la condanna per calunnia nei confronti di Patrick Lumumba

    Amanda Knox, confermata la condanna per calunnia nei confronti di Patrick Lumumba

  • Natisone, la Procura indaga per omicidio colposo. Proseguono le ricerche dell'ultimo disperso

    Natisone, la Procura indaga per omicidio colposo. Proseguono le ricerche dell'ultimo disperso

  • Gaza, Hamas potrebbe accettare il piano di Biden. Netanyahu, tregua momentanea per gli ostaggi

    Gaza, Hamas potrebbe accettare il piano di Biden. Netanyahu, tregua momentanea per gli ostaggi

  • Attesa per la sentenza nel processo a Donald Trump. "Da presidente avrei bombardato Russia e Cina"

    Attesa per la sentenza nel processo a Donald Trump. "Da presidente avrei bombardato Russia e Cina"

  • Giulia Tramontano, un anno dopo il delitto Impagnatiello racconta in aula la sua verità

    Giulia Tramontano, un anno dopo il delitto Impagnatiello racconta in aula la sua verità

  • Raid israeliano su un campo profughi a Rafah. Almeno quaranta i morti, centinaia i feriti

    Raid israeliano su un campo profughi a Rafah. Almeno quaranta i morti, centinaia i feriti

  • Maiorca, crolla la terrazza di un ristorante. Quattro i morti e numerosi i feriti

    Maiorca, crolla la terrazza di un ristorante. Quattro i morti e numerosi i feriti