Salmo a RTL 102.5: "Esorcizzo la paura di sbagliare con Flop"

08 ottobre 2021, ore 18:30

SALMO OSPITE IN DIRETTA IN RADIOVISIONE SU RTL 102.5, CANALE 36 DEL DIGITALE TERRESTRE E CANALE 736 DI SKY, IN “THE FLIGHT" CON MATTEO CAMPESE, PAOLA DI BENEDETTO E FRANCESCO TARANTO

Salmo è stato ospite in Radiovisione su RTL 102.5 durante “The Flight” per presentare il suo nuovo album “Flop”. A proposito del titolo, il rapper spiega:

“La paura più grande di un artista è quella di non andare bene, di floppare, di sbagliare … non a caso “FLOP” è una delle parole più usate nella musica…ho pensato che nessuno aveva mai avuto il coraggio di chiamare così un disco. Ho voluto esorcizzare, ho messo le mani avanti”.

IL TITOLO ALTERNATIVO E IL NUOVO SINGOLO

“Flop”, però non è stato il primo titolo pensato da Salmo che svela in diretta l’idea iniziale: “Ti dico tutta la verità. Inizialmente il disco non si doveva chiamare “Flop”. Il disco inizialmente si chiamava “Maledetto Sedicesimo”, è la prima volta che lo dico. Solo che ogni volta che dicevo il titolo non mi capiva nessuno, è un gioco nato dal nome del Papa, Benedetto Sedicesimo. Dovevo spiegarlo, quindi alla fine ho deciso di cambiarlo. Ho visto il quadro, ho pensato all’angelo che piange…Lucifero è stato il primo angelo dello storia a floppare. Poi ho collegato la parola al fatto che adesso c’è questa frenesia di essere famosi, popolari…io volevo fare il contrario”.

Salmo parla poi del nuovo singolo ‘Kumite’ e dice:

“La Kumite è una battaglia, anzi, un allenamento fatto con le mani, in cui i due avversari crescono insieme. Lo paragono all’amore perché l’ultima storia che ho avuto non è per niente stata facile”.

LA COPERTINA DI FLOP

“Flop” ha una caratteristica: ha non una ma ben due copertine. Una, quella dell’edizione in vinile, ha due ospiti speciali:

“Sì, ci sono i miei genitori, sono gli unici due personaggi che guardano in alto e sorridono. L’ispirazione è nata da una foto di David LaChapelle. Una foto vecchissima dove c’era Marilyn Monroe al posto mio sulla macchina. E’ legata all’altra copertina…Lucifero, l’angelo caduto, in questo caso caduto su una macchina in mezzo a una folla di protesta. E’ un collage di tutte le cose che sono successe a me nell’ultimo periodo”.

Un legame c’è anche con la trovata usata per lanciare l’album con l’installazione del finto incidente stradale alla Stazione centrale di Milano:

“Noi abbiamo fatto questa installazione, come sempre qualcuno ha fatto polemica. Hanno detto che non ho avuto rispetto per le persone vittime di incidenti”.

LE COLLABORAZIONI DI SALMO

A proposito delle collaborazioni su Flop Salmo racconta:

 “Gue’ Pequeno, Marracash, Noyz Narcos e Shari. I primi tre sono tra miei preferiti in assoluto, Fabri Fibra lo avevo già messo nel disco precedente; mi manca solo Jake che per una questione di tempo non sono riuscito a contattare. Shari è una ragazza molto giovane, vorrei puntare su di lei, sto lavorando al suo disco”.

E sulla presenza della chitarra di Alex Britti in “A Dio” aggiunge:

“E’ stato il primo pezzo del disco. Questo disco è figlio della prima pandemia. Prima della pandemia Alex è venuto in Sardegna, doveva fare un tour. Aveva con sé la chitarra blues, davanti a Tavolara mi ha fatto questo splendido giro di chitarra, e lì è nato il pezzo, che si chiama “A Dio”. Io ho fatto il testo, Alex la chitarra. Il disco è così sofferto perché è figlio della pandemia. In quel periodo c’era proprio il bisogno di sfogarsi”,

Salmo a RTL 102.5: "Esorcizzo la paura di sbagliare con Flop"

Il significato di ‘ Criminale’

“In questo pezzo dico che la musica è andata in secondo piano; con i social le persone stanno molto attente alla persona, al personaggio, dovrebbero scindere le due cose. si da per scontato che le persone famose, i rapper, siano persone perfette. Non lo sono. Invece sono persone normali.

Siamo esseri umani. Io la mattina mi sveglio, sbaglio, faccio tanti sbagli. Però spero che la musica invece sia fatta bene. Se io sto sul cazzo alle persone non importa, io sono qui per far piacere la mia musica. Adesso molte persone cercano solo di essere credibili come criminali…adesso per fare il rapper devi per forza essere uno di strada, devi aver avuto dei trascorsi con la legge. Allora sei credibile, ma se la musica è brutta non interessa. La maggior parte della musica che c’è in giro non è di qualità. E’ assurdo conoscere i personaggi e non le canzoni".

Fate musica, non fate i criminali”.

La musica fuori dalle grandi città

A proposito della difficoltà o meno di fare musica fuori dalle grandi città, Salmo aggiunge: “Ora non c’è più l’handicap della distanza, ora con Internet siamo tutti allo stesso livello, abbiamo tutti la stessa esposizione. Serve solo talento e qualcuno che metta le tue cose su Internet. Se sei bravo l’unica cosa da fare è pubblicare la musica. Se proprio devo fare lo stronzo dico che è meglio non andare nei talent; chi va in un talent mette il proprio talento nella mani di qualcuno che non ha la minima idea di chi sei e cosa vuoi fare. Devi andare in un talent solo se hai già la tua squadra. Anche io senza la mia squadra non avrei fatto niente, magari avrei fatto qualcosa, ma non così. Il fatto di avere la tua squadra è la chiave di tutto".

Il rapporto con Blanco

Salmo parla poi del suo rapporto con Blanco, uno dei giovani più promettenti della scena, e della loro collaborazione in “La Canzone Nostra”:

“La sua musica è diversa dalla mia diversa, ma come mood vedo me stesso dieci anni fa, la voglia di fare; Blanco è il futuro, tutta la roba simile a Blanco è il futuro. Ti spiego come è nato quel pezzo. Io sono finito in studio da Mace e mi fece sentire quella canzone, di Blanco avevo già sentito qualcosa. Poi ho mandato il pezzo a Coez, che trovò il titolo al brano Lui ha trovato il titolo perfetto. La canzone meritava, non volevo rimasse nel computer.

I PROGETTI EXTRA MUSICALI DI SALMO

Sulla passione per la regia, Salmo aggiunge:

“Ho da sempre questa passione. Adesso sto facendo anche una serie tv, si chiama “Blocco 181”. Ci stiamo lavorando, non sappiamo ancora quando uscirà.

Sul cercare nuovi talenti con la Machete: Andatevi a sentire il CD di MACHETE “Cantera”; per la compilation Jack e Charlie hanno avuto le palle di sentire tutto il materiale. Hanno partecipato in tantissimi, una selezione grandissima. L’altro giorno ero in macchina, un ragazzino mi ha rincorso per darmi una pennina. E’ stato assurdo. Mi ha ricordato tutte le volte che ho impacchettato i dischi e li ho mandati alle case discografiche. Non mi hanno mai risposto, mai".


Salmo a RTL 102.5 : "Sbagliare è la paura più grande per tutti, non per me"
Tags: FLOP, MUSICA, SALMO

Share this story: