Furto a casa di Donnarumma, legato e picchiato dai malviventi: bottino da 500 mila euro

Furto a casa di Donnarumma, legato e picchiato dai malviventi: bottino da 500 mila euro

Furto a casa di Donnarumma, legato e picchiato dai malviventi: bottino da 500 mila euro


Il portiere del Paris Saint Germain si trovava in casa con la sua fidanzata, Alessia Elefante, i malviventi si sono introdotti di notte nella sua casa all'ottavo piano

Notte da incubo per Donnarumma, vittima di un furto da 500 mila euro. Il portiere del Paris-Saint-Germain si trovava nella sua casa a Parigi con la sua compagna Alessia Elefante. Il furto - come riporta AFP - è avvenuto nella notte tra giovedì e venerdì. Secondo la ricostruzione, il portiere e la sua fidanzata sarebbero stati legati dai ladri, che si sono introdotti nell'appartamento per mettere a segno il furto, e colpiti violentemente. I ladri hanno portato via un bottino di altissimo valore: gioielli, orologi e soldi.

DONNARUMMA E ALESSIA ELEANTE SOTTO SHOCK

Tanta paura per il numero 1 del Paris-Saint-Germain, accompagnati in ospedale per le cure del caso. Sempre dalle notizie trapelate, emerge che il portiere sarebbe rimasto lievemente ferito, illesa la compagna. Intanto, la Polizia parigina sta indagando sull'accaduto. Saranno i filmati delle telecamere di videosorveglianza, che potrebbero essere presenti nella zona, a fornire elementi utili alle indagini.

LA RICOSTRUZIONE DELL'ACCADUTO

Donnarumma sarebbe stato pestato dai ladri, che hanno agito conoscendo i suoi spostamenti. Infatti, i ladri sono riusciti ad introdursi all'ottavo piano con grande abilità mettendo nell'angolo persino il custode del palazzo, come racconta BMFTV. Poi, una volta entrati nell'appartamento di Donnarumma, intorno alle 3.10. I rumori hanno svegliato il portiere e la fidanzata, che sono stati legati dai ladri. Secondo gli investigatori, Donnarumma sarebbe stato colpito in testa, perdendo anche del sangue, nel tentativo di difendersi. Il colpo è durato meno di quindici minuti.


Argomenti

Donnarumma

Gli ultimi articoli di Francesco Fredella