"Mi sono diplomato a 59 anni, l'ho fatto per mia madre": la confessione di Riccardo Fogli

15 giugno 2022, ore 08:00

L'ex dei Pooh si racconta in radiovisione su RTL 102.5 News. "Sanremo? Credo molto nei giovani presenti su quel palco", racconta

Una vita per la musica. Una vita con la musica. Adesso che ha scritto un libro, "Predestinato metalmeccanico", l'ex dei "Pooh" svela qualcosa di molto intimo in radiovisione su RTL 102.5 News. "Parlo sempre con mia madre, anche se non è qui con me da molti anni", dice Fogli a Trends & Celebrities”. “Io ho studiato poco, perché a 14 anni sono andato a lavorare. Studiavo il legno, il ferro, raspavo e limavo. Mia madre disse che era dispiaciuta di non avermi fatto studiare e fatto diventare ragioniere. Allora io le ho promesso che mi sarei diplomato per lei e a 59 anni ce l’ho fatta, dopo avere frequentato una scuola serale”, racconta ancora l'ex dei Pooh.


"Una canzone scritta per mia figlia"

Poi Riccardo Fogli svela in radiovisione la genesi del grano scritto per sua figlia Michelle. “Lei avrà 10 anni il 4 luglio. Ricordo che stavamo uscendo dal dentista che le aveva preso le impronte per l’apparecchio. Le avevano detto tutti che era una cosa terribile, invece lei non ha avuto problemi. A quel punto mi ha detto: ‘Ma tu hai scritto una canzone per la mamma, poi ne hai scritta una per il Dado (l’altro figlio di Fogli, Alessandro Sigfrido, ndr)… Ma a me una canzoncina quando la scrivi?’. E io immediatamente gliene ho preparata una”, dice ancora.

Poi Riccardo riavvolge il nastro dei ricordi parlando della sua lunga carriera. Arriva anche il momento dell’Eurovision Song Contest. Trentasei anni fa la sua partecipazione. “Mi ricordo che andai da solo a Berlino nel 1986 e cantai una canzone che parlava del muro di Berlino, dove si svolgeva l’evento”, continua Fogli. Che in queste settimane si sta esibendo in giro per l'Italia con concerti live super emozionanti.

"Mi sono diplomato a 59 anni, l'ho fatto per mia madre": la confessione di Riccardo Fogli
Tags: Diploma, Fogli, Madre, Musica, Pooh, Riccardo Fogli

Share this story: