Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
-
-
- Francia: Lione, esplode uno zaino bomba per strada, almeno tredici feriti, tra cui una bambina, nessuno è in pericolo di vita Macron, è un attacco, caccia all'uomo, diffusa la foto di un sospetto
- Roma: le elezioni europee, e le amministrative oggi giornata di silenzio, si voterà domenica dalle 7.00 alle 23.00
- Londra: Teresa May annuncia, in lacrime, le dimissioni per il 7 giugno, profondo rammarico per non essere riuscita ad attuare la Brexit, un nuovo premier arriverà presto
- Genova: la Procura ha aperto una inchiesta sui poliziotti che ieri hanno malmenato un giornalista al seguito di una manifestazione, il procuratore Cozzi, assurdo colpire cronista
- Novara: bambino di nemmeno due anni arrivato morto in ospedale, indagati per omicidio volontario la madre e il suo compagno, i due parlano di una caduta dal letto, ma le lesioni non sono compatibili con la caduta secondo l'autopsia
- Roma: scavi sotto al Campidoglio, trovata una testa in marmo bianco di età imperiale, si tratterebbe di una divinità, potrebbe essere la raffigurazione di Dioniso
- Ciclismo: il russo Zakarin vince per distacco la 13esima tappa del Giro d'Italia con arrivo a Ceresole Reale, lo sloveno Polanc ancora in maglia rosa
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
23 novembre 2018

Yara, Cassazione, Dna Ignoto 1 è quello di Bossetti

Nessun dubbio su evidenza scientifica, è prova piena

"Numerose e varie analisi biologiche effettuate da diversi laboratori hanno messo in evidenza la piena coincidenza identificativa tra il profilo genetico di Ignoto 1, rinvenuto sulla mutandine della vittima, e quelle dell'imputato". Lo scrive la Cassazione nella motivazioni della sentenza a Massimo Bossetti, condannato all'ergastolo per l'omicidio di Yara Gambirasio. L'evidenza scientifica, sottolinea, ha "valore di prova piena". In 155 pagine la Cassazione risponde ai venti motivi di ricorso della difesa, che sollevava diverse obiezioni, contestando la prova del dna, la 'catena di custodia', i kit utilizzati. La Cassazione biasima i "reiterati tentativi di mistificazione degli elementi di fatto", "amplificate da improprie pubbliche sintetizzazioni". "La probabilita' di individuare un altro soggetto con lo stesso profilo genotipico", evidenza la Corte, equivale a "un soggetto ogni 3.700 miliardi di miliardi di miliardi di individui". "I giudici di merito - si legge nella sentenza - hanno correttamente affermato che il profilo genetico e' stato confermato da ben 24 marcatori", evidenziando "a maggiore tutela dell'imputato, che la certezza dell'identificazione e' particolarmente solida", in quanto le linee guida scientifiche individuano un soggetto "con l'identita' di soli 15 marcatori". Rispondendo all'obiezione sulla catena di custodia, la Corte afferma che il dna di Bossetti "non era presente nelle banche dati all'epoca disponibili e che sono state ampiamente e ripetutamente consultate proprio allo scopo di identificare Ignoto 1, sicche' e' impossibile ipotizzare una contaminazione dei reperti prelevati all'inizio del 2011 con il profilo dell' imputato che e' stato acquisito soltanto tre anni dopo". Quanto alla richiesta della difesa di una perizia, i giudici spiegano che vi si ricorre in caso di "evidenza dell'utilizzo di una metodica errata o superata e dell'esistenza di un metodo piu' recente e piu' affidabile": "nulla di tutto questo emerge dagli atti".

Yara, Cassazione, Dna Ignoto 1 è quello di Bossetti