Italiani analfabeti di finanza, il 30% non sa cosa sia un conto corrente

 08 novembre 2019

E' quanto emerge dal rapporto della Consob secondo cui gli italiani hanno anche scarse capacità matematiche di base

Gli italiani continuano a essere un popolo di risparmiatori (seppure in lieve calo rispetto al passato), ma restano al palo quando si tratta di mettere alla prova le loro competenze finanziarie. Basti sapere che in tre su dieci non sanno cosa sia un conto corrente e, men che meno, conoscono degli strumenti finanziari un po' più complessi come le azioni e le obbligazioni. A puntare l'attenzione sul grado di educazione finanziaria degli italiani è la Consob che nel suo Rapporto 2019 sulla scelte di investimento delle famiglie mette in luce il fatto che il 21% degli intervistati non conosca nessuna delle nozioni finanziarie di base, come ad esempio l'inflazione, la relazione rischio-rendimento, la diversificazione degli investimenti e le caratteristiche dei mutui. Che gli italiani siano poco ferrati sulle materie finanziarie lo dice anche il governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco, che nel suo discorso di inaugurazione dell'anno accademico 2019-2020 dell'Università di Cagliari, ha fatto notare come le conoscenze dei suoi concittadini in questo ambito siano "basse nel confronto internazionale", soprattutto per ciò che attiene "ai concetti di base e ai comportamenti nella gestione del risparmio". Restando in tema di educazione finanziaria, solo il 12% degli intervistati mostra padronanza di 4 dei 7 concetti presentati, mentre esclusivamente il 2% definisce correttamente tutte le nozioni. Il problema, poi, non ha a che fare solo con la conoscenza della finanza, ma risale alle lacune degli italiani anche con i calcoli più semplici. Gli intervistati, infatti, si connotano per un basso livello di capacità matematiche di base: il 54% del campione non è in grado di eseguire un semplice calcolo percentuale.
Italiani analfabeti di finanza, il 30% non sa cosa sia un conto corrente

Share this story: